sponsor

sponsor

sabato 24 gennaio 2009

Ritorna in libreria un classico storico


gca2

Da pochi giorni la collana Storia della BUR (Biblioteca Universale Rizzoli) ha mandato in libreria la riedizione della famosa STORIA DELLA GUERRA CIVILE AMERICANA di Raimondo Luraghi.

Il testo, uscito per la prima volta nel 1966 in edizione Einaudi, è il frutto di sette anni di lavoro ininterrotto di Luraghi, tra viaggi in USA, ricerche d'archivio e ricostruzione di fatti e figure della Guerra Civile Americana. Ebbe un buon successo in Italia, e anche in America venne lodato per l'attenzione posta all'intera vicenda della guerra, che è raccontata nei minimi particolari. Venne definito, da uno storico americano, "il miglior volume singolo sulla Guerra Civile Americana".

La nuova edizione contiene una introduzione di Luraghi scritta appositamente.

Presto la scheda sul blog, sezione Libri.


Raimondo Luraghi
STORIA DELLA GUERRA CIVILE AMERICANA
Bur | 2009 | 1456 pagine | Brossura | Mappe e foto b/n | € 15,00

5 commenti:

  1. Salve,
    la riedizione della Guerra Civile Americana del grande Luraghi mi fa sicuramente enorme piacere, è un testo che tutti dovrebbero leggere.
    Approfitto del vostro spazio per chiedervi se per caso sapete se è prevista anche una riedizione BUR di "Marinai del Sud" sempre di Luraghi, altra pietra miliare del genere oramai fuori catalogo da troppo tempo.
    Grazie per un vostro gentile riscontro!

    Cordiali Saluti

    Paolo Ventura

    RispondiElimina
  2. Salve,
    per il momento non è prevista, purtroppo, nessuna riedizione dell'introvabile "Marinai del Sud". Non è escluso però che in futuro ci possa essere un interesse della Rizzoli a doppiare la monumentale SdGCA.
    Cordiali saluti,
    Mario Raciti

    RispondiElimina
  3. A doppiare? Intendete una riedizione della SdGCA in due volumi (come gia' la rizzoli aveva fatto negli anni '80 e '90)?
    Federico

    RispondiElimina
  4. Doppiare nel senso di affiancare alla SdGCA anche "Marinai del Sud".

    RispondiElimina
  5. Ah.. Ok, speriamo che lo facciano
    Federico

    RispondiElimina