sponsor

sponsor

sabato 25 luglio 2009

Il baule nella prateria: intervista a Stefano Jacurti



tratta da www.seriomanontroppo.it


ilbaulenellaprateria





Chi è Stefano Jacurti in una frase?

Un uomo che ha visto molto ma non tutto.



Tutti i libri della terra sono racchiusi in una biblioteca…che ad un certo punto prende fuoco. Tu sei il custode e accorri ma puoi salvarne solo uno (tranne i tuoi, ovvio). Quale salvi per il bene dell’umanità?

L’Odissea, un capolavoro universale.



Il Baule nella prateria è nato da….

Nasce dalla passione per un mondo come quello del west dell’ottocento che conosco bene.



La soddisfazione più grande per chi scrive un libro

Coinvolegere i lettori più diversi tra loro, far nascere emozioni, le stesse che ti coinvolgono nello scrivere.



Se dovessi dare 3 consigli personali a chi volesse iniziare a scrivere un libro quali sarebbero?

Sicuramente leggere molto per documentarsi e avere molta pazienza.



Avrò mille difetti ma sicuramente non sono…
Un superficiale



Stefano Jacurti ha il potere dell’Italia per un giorno e può decidere da solo una ed una sola legge: quale?

Distruggere la tv di oggi (salvando qualcosa) e ricominciare tutto da capo.



Stefano cosa è l’Arte per te?

E’ molto della mia vita ma non tutto.



Ormai il tuo libro è sugli scaffali delle librerie…un rimpianto ce l’hai?

Si può sempre migliorare ma il mio libro è nato così, sono felice che sia venuto come lo desideravo.



Io so che ami anche il Cinema..in particolare cosa?

Beh il libro già dice molto, amo il western a tutto tondo, senza distinzioni tra filoni diversi. Adoro John Ford, Leone, Peckimpah e tanti altri. Mi piace anche il cinema francese la commedia all’italiana, il neorealismo. Spero che il cinema italiano torni vivere un periodo d’oro ma corro sempre al cinema quando arriva un film di Clint Eastwood.



Quale è stato l’ostacolo più grosso da superare nella scrittura del tuo ultimo libro?

Inferno bianco un western autoprodotto giraro sul Gan Sasso, un ostacolo in positivo naturalmente, le riprese hanno fatto perdere dl tempo per il libro.


Non si possono fare tante cose insieme.

Abbiamo finito..o quasi…manda un saluto e uno spot finale per il tuo libro ai lettori di SerioMaNonTroppo

Non vi prometto capolavori della letteratura ma il viaggio nel baule nella prateria non lo dimenticherete… go west!

Nessun commento:

Posta un commento