sponsor

sponsor

mercoledì 20 luglio 2016

"Guida al cinema western" [segnalazione]

Sarà in libreria da domani il volume Guida al cinema western, un grosso tomo di quasi 700 pagine curato dalla coppia Michele Tetro e Stefano Di Marino e pubblicato dalla sempre attiva Odoya. Ampiamente illustrato, la guida prende in esame la storia del genere western cinematografico e ne sviscera i vari filoni (il western indiano, quello italiano, quello crepuscolare, ecc.), gli attori cult, i temi, le caratteristiche attraverso schede, approfondimenti e classifiche.

Ecco la sinossi:

Il cinema western è ancora vivo? Assolutamente sì, e non c’è da dubitarne. Ma quando è nato? Chi sono i suoi protagonisti, al di là dei più conosciuti? E perché nei suoi cento anni di storia è sempre stato così amato?
Il western classico, il western crepuscolare e revisionistico, la contaminazione western, il western italiano e internazionale, la parodia western… Sono queste e molte altre le tappe di un lungo percorso che vi porterà alla (ri)scoperta di un genere cinematografico basato sull’avventura, sul confronto con l’ignoto e l’ambiente circostante, sulla ricerca di un’affermazione personale. Il cinema western in un racconto entusiasmante e ramificato, un libro che conquisterà sia gli appassionati che i neofiti, suggerendo nuove piste da esplorare, tra storia, mito e leggenda.
Questa pista immaginaria, interrotta da quattro “bivacchi” che permettono di approfondire alcuni protagonisti della Frontiera realmente esistiti, segue l’evoluzione del genere tra registi e interpreti che dell’Ovest hanno dato la loro personale lettura.
I due autori vi invitano perciò a fare una sosta e sedervi con loro intorno al fuoco: vi racconteranno di duelli infuocati, di cowboy e indiani ribelli, e sarà come perdersi in un mondo di polvere e pallottole, su uno sfondo nostalgico e poetico come la luce al tramonto nella Monument Valley. Il West non esiste più, ma in fondo, grazie a chi lo ha raccontato, il West non è mai finito.


Guida al cinema western, per la sua struttura e la mole di dati è un lavoro che non era mai stato fatto prima e che adesso è a disposizione degli appassionati grazie a due scrittori altrettanto fanatici! Da non perdere!

1 commento: